Scrivici - Mail us
  • Italian
  • English
Allevamento Cani di Terranova di Giovanni Carullo - Avellino           Newfoundland Kennel breeding - Giovanni Carullo - Avellino - Italy
  • Home
  • About us
  • Newfound
  • Standards
  • Newfound's colors
  • Kajal
  • Our dogs
  • Puppies
  • Photogallery
  • Other Photos
  • All the news
  • Contacts
  • Links
  • Guestbook
  • Contratto Cessione Cuccioli
  • Banner Exchange
  • I nostri viaggi
  • Privacy e cookie law

  • Colori terranova

    Lo standard della Fci ammette tre colori per il mantello del Cane di terranova:

    Nero :
     e’ il carattere dominante, piu’ lucente dove il pelo e’ corto, come sulla testa, escluso il cranio, dove crea giochi di luce e chiaroscuri; nelle altre zone, nell’insieme la tonalità appare resa opaca dal sottopelo lanoso. Le frange per l’azione dell’acqua o del sole possono assumere una sfumatura rossastra. Sul mantello nero sono concesse una macchia bianca al petto, alla punta dei piedi e della coda. Lo standard Usa e’ piu’ generoso nei confronti dell’abbondanza del bianco in queste aree ( diverso il comportamento europeo nei confronti di questi soggetti cosiddetti mismarked) e non penalizza il bianco anche laddove si presenti al mento. Oltre al bianco nessun altro colore puo’ comparire in un mantello nero

    Marrone o brown :
     ( non riconosciuto dal Canada) questa tonalità puo’ essere piu’ o meno scura : scura nella tonalità cioccolata, chiara in quella bronzo. Anche qui come nel nero sono ammesse le macchie bianche al petto, alla punta dei piedi e della coda. Da sottolineare come nel brown pelle e mucose hanno una tinta rosea e che il tartufo e’ pigmentato di marrone. Gli occhi avranno l’iride sarà più chiara dei soggetti pigmentati neri, ma non sarà tollerato un colore francamente giallo che guasta irrimediabilmente l’espressione, ciononostante è raro trovare occhi veramente scuri in questa varietà di colore.

     

    Bianco e nero o Landseer :
     (premettiamo che parliamo sempre di Cane di Terranova e non di Landseer, che e’ una razza a parte con un suo standard specifico, nonostante annose diatribe tra paesi e allevatori). Qui il colore di base e’ il bianco con pezzature nere che sono localizzate preferibilmente nella testa, nella sella e nella groppa. Di grande considerazione e’ la bellezze e la simmetria della macchie nere che devono risaltare sulle restanti aree bianche; pertanto la moschettatura che danneggia questo contrasto e’ penalizzata. Il tartufo deve sempre essere nero e le palpebre pigmentate. In sede di giudizio, la bellezza della pezzatura dovrà essere presa in considerazione solo a parità di altre qualità e mai a scapito del tipo, della struttura e dell’armonia.

    Grigio solido:
     Ammesso solo negli Stati Uniti. Altrove è motivo di squalifica. Il grigio è il diluito del nero. Anche qui l’animale non può produrre pigmento nero, di conseguenza avremo tutte le mucose grigie e occhi con iride più chiara, a volte molto chiara di un tono giallo avorio con sfumature grigiastre. Soggetti grigi possono nascere nelle cucciolate di neri solo se trasmesso da entrambe i genitori.

     

     

    Un colore rarissimo e non riconosciuto da nessun paese e’ quello isabella o crema